Seppur un minimo, su come questi attrezzi devono essere usati. Gli attrezzi per il giardinaggio solitamente si ripongono nelle casette per gli attrezzi che sono in giardino in alternativa possono essere sistemati in garage. Per coltivare le piante e far sì che abbiano sempre un aspetto curato è necessaria la potatura che richiede certamente una forbice particolare, si tratta di una forbice adatta a questa funzione, certamente per sistemare le siepi non è adatta la stessa forbice. Per pulire il terreno è necessario il rastrello, usato anche per mescolare il terreno con il concime. Il badile è formato da un’asta in legno che termina con una struttura piatta, serve per raccogliere il terreno oppure per lavorarlo. La vanga è uno di quegli attrezzi fondamentali, così come la forca che serve per spostare erba e foglie. In questo paragrafo ci siamo soffermati sugli attrezzi fondamentali che tra l’altro sono anche alla portata di tutti per quel che riguarda il budget economico, si tratta di elementi base che però possono essere affiancati anche da attrezzi per il giardinaggio più ‘completi’. Lo aspirafoglie sostituisce essenzialmente il compito svolto dal rastrello per raccogliere le foglie. L’aspirafoglie è in grado di aspirare le foglie attraverso un tubo e raccoglierle direttamente in una busta per la spazzatura ad esso collegato. È un sistema certamente molto pratico e veloce che riduce i tempi per la pulizia del giardino, questo è utilizzato soprattutto in autunno. L’aspirafoglie è piuttosto utile per chi ha un giardino molto esteso altrimenti, in piccoli spazi verdi, si può ricorrere al solito e tradizionale metodo. Anche per sistemare le siepi esistono delle soluzioni molto interessanti che consentono di risparmiare molto tempo, quindi come si ha modo di osservare il mercato si è abbastanza completato e diversificato per garantire a quanti avevano la passione per il giardinaggio ma non sufficiente tempo a disposizione di potersi dedicare alla cura del proprio giardino. Gli attrezzi base per il giardinaggio sono realizzati tutti con un manico allungato in legno e garantiscono una durata illimitata. La carriola è un altro elemento fondamentale perché serve per trasportare terreno, sabbia, mattoni e quant’altro da un luogo all’altro del giardino. Chi desidera avere un giardino sempre ben sistemato deve conoscere anche i tempi giusti quando è necessario concimare o piantare un determinato arbusto ma anche saper riconoscere qual è la migliore esposizione solare perché la pianta possa crescere senza problemi. In assenza di una passione per il giardinaggio e di scarse conoscenze del settore è preferibile affidare il proprio giardino a un giardiniere professionista.


IL GIARDINO

Piante forti e sane hanno bisogno di un buon terreno, luce, calore e acqua - anche di sostanze nutritive che non sempre il suolo può fornire. In questo caso, gli irroratori a pressione sono attrezzi utili per spandere concime. Gli irroratori a pressione possono essere usati anche per proteggere le piante dai parassiti irrorando pesticidi.

Il vostro tappeto erboso - sempre folto, verde e resistente Ornamento prezioso e curato, oasi di relax privata o un campo da gioco per l'intera famiglia: se il prato è costantemente folto, florido, verde e privo di erbacce, il suo proprietario ne sarà felicissimo.

Un tale successo ha bisogno però di un miglioramento costante del terreno, di una sufficiente fertilizzazione e della cura giusta per il prato.

 Un prato sano cresce solo su un suolo sano Per evitare definitivamente sintomi indesiderati quali macchie scure, secche, ammuffite, radici ammassate, micosi e disturbi della crescita, è necessario rimuoverne le cause.

Queste sono quasi sempre da ritrovarsi nel terreno, in un'alimentazione insufficiente o a una cura errata.

Esse sono soprattutto un'estrema compattezza, eccessiva acidità del terreno, acque stagnanti, carenza di sostanze nutritive, scarsa capacità di trattenimento dell'acqua, una vita nel suolo e un equilibrio biologico carenti.


Il principio fondamentale per gestire il prato con successo è:

Innaffiare

• Terreni leggeri 2 volte la settimana, altrimenti 1 volta alla settimana abbondantemente.

• Innaffiate il prato o la mattina presto o la sera tardi, non nelle ore calde.

• Per nuovi impianti di prato la superficie nelle prime 4 settimane deve essere tenuta costantemente umida, affinché la semina possa aprirsi completamente e in maniera uniforme.

Fertilizzare

• Anche qui la formula del successo è: solo su un terreno sano possono crescere piante sane.

• Se seguirete i nostri consigli per la fertilizzazione potrete godere di un prato verde e resistente.

• Particolarmente importante è la terza fertilizzazione (fertilizzazione autunnale) in ottobre/novembre. Essa crea le basi affinché il prato sia verde e forte per l'inverno e garantisce una crescita sana e veloce nella primavera successiva. Con il nostro fertilizzante organico per il prato non dovete temere perdite di sostanze nutritive nei periodi freddi e umidi.

Tagliare

• Tagliare spesso il prato lo fa diventare sempre più folto

• Il primo taglio dopo una nuova semina non dovrebbe essere più corto di 8 - 12 cm e fatto con una lama appuntita per evitare di strappare via le piante non ancora ben fissate nel terreno.

• In seguito un'altezza di taglio di 4 - 6 cm

• È importante accorciare il filo d'erba sempre solo di un terzo dell'intera lunghezza . Nei caldi giorni d'estate è consigliabile tagliare lasciando comunque una lunghezza di un palmo.

• Per una cura ottimale del prato è importante tagliarlo sempre con lame affilate.


Share by: